Reply

Ritrovamento di un rostro di epoca romana

« Older   Newer »
icon10  view post Posted on 21/9/2008, 17:10 Quote
Avatar

Il nostro motto è meglio pochi ma buoni e non tanti e fasulli Image and video hosting by TinyPic

Group:
Administrator
Posts:
7,933
Location:
dai forum Svagheggio e La Casa Del Sole

Status:


Ritrovamento di un rostro di epoca romana nelle acque di Capo Rasocolmo /Acqualadroni
Messina, settembre 2008


Su segnalazione di una bagnante messinese, la Sig.ra Alfonsa Moscato, la Soprintendenza del Mare è intervenuta congiuntamente alla Capitaneria di Porto e al III Nucleo Sommozzatori della Guardia Costiera di Messina per effettuare operazioni di rilevamento e recupero di un rostro di epoca romana nelle acque di Acqualadroni (Messina).
Il reperto giaceva a bassissima profondità e se ne intravedeva solo la parte superiore; non cè dubbio che i fenomeni di erosione della costa in zona hanno anche favorito l’eccezionale scoperta. Eccezionale sia per la rarità dei rostri ritrovati in situ, gli altri due sono stati ritrovati nelle acque delle Isole Egadi ed a Hatlit in Israele, sia perché per la prima volta si sono conservati i frammenti di legno e i perni di fissaggio del rostro alla struttura della nave; è infatti presente un doppio incamiciamento del legno fissato con un tecnica particolare.
Il rostro, integro e di fattura eccellente, è decorato lateralmente sui due lati da due gladi (spade) dividendosi stilisticamente a formare un tridente.
E’ molto probabile che si tratta di uno dei relitti della flotta di Sesto Pompeo sconfitta da Agrippa davanti Capo Rasocolmo nel 36. a. C., confermando le fonti storiche e i ritrovamenti effettuati in passato nelle acque di Acqualadroni.
Il recupero è stato effettuato dalla Guardia Costiera alla presenza del Comandante della Capitaneria di porto di Messina Samiani, del comandante del Reparto di supporto navale Laganà, del responsabile del nucleo sommozzatori della Guardia Costiera Gianluca Messina e del Soprintendente del Mare Sebastiano Tusa, mentre i primi rilievi subacquei sono stati effettuati da Philippe Tisseyre e da Gaetano Lino della Soprintendenza del Mare.
Il reperto è stato trattato per un primo intervento di desalinizzazione, mentre sono state già programmate le operazioni di analisi sui legni e il restauro.

image
recupero del rostro

image
particolare del gladio

image
il rostro in situ

image
il rostro in situ



 
PM Email  Top
0 replies since 21/9/2008, 17:10
 
Reply